News eventi

L’Università Cattolica “Nostra Signora del Buon Consiglio” ha organizzato la conferenza dal titolo: “Essere città, oggi”. Alla conferenza è intervenuto con il suo discorso il sindaco di Tirana Sig. Erion Veliaj, per parlare del piano urbanistico, il quale ha valorizzato l’iniziativa dell’Università: “UCNSBC fa la differenza della cultura, così come il Comune di Tirana fa la differenza dell’infrastruttura”. La conferenza è iniziata con i saluti da parte delle autorità. Padre Daniele Bertoldi, Presidente della Fondazione Nostra Signora del Buon Consiglio si è espresso che già partendo dal titolo della conferenza, ognuno di noi si deve sentire parte della città. La città deve essere perfetta in modo che i suoi cittadini possano vivere meglio, perché essi sono il centro della città. Il Prof. Bruno Giardina, Rettore dell’Università Cattolica “Nostra Signora del Buon Consiglio”, ha detto che il piano urbanistico intende migliorare la qualità della vita, e lo sviluppo deve essere costante. Ha salutato la conferenza anche l’Ambasciatore della Repubblica d’Italia in Albania, Sua Eccellenza Alberto Cutillo. Alla presenza dei suoi due omologhi dall’Italia, il Dott. Dario Nardella, Sindaco di Firenze, Sig. Flavio Tosi, Sindaco di Verona, ma anche del Prof. Stefano Boeri, l’architetto italiano che ha elaborato il piano regolatore della capitale dell’Albania, il Dott. Veliaj si è soffermato di più sul “TR030”. “Io sono molto entusiasta perché questa settimana abbiamo avuto uno dei progetti trasformatori che si prevede per Tirana 030… è il progetto del Nuovo Bazar. Infatti il progetto trasformatore non è solo un progetto di architettura, è una trasformazione anche dell’architettura mentale, del modo come comunichiamo l’uno con l’altro, come dividiamo in modo democratico lo spazio pubblico, come valorizziamo la proprietà che influenza il mercato immobiliare grazie all’investimento architettonico che ha come scopo non solo la rinascita urbanistica ma anche la trasformazione dello stile di vita e della comunicazione comunitaria con i spazzi come il Nuovo Bazar”. Lo stesso architetto Prof. Stefano Boeri pensa che esiste la possibilità che Tirana diventi una città metropolitana in grado di sfidare le altre grandi città come modello di sviluppo urbanistico e si trasformi in una metropoli di alta qualità di vita. La filosofia del bosco verticale tradotto nel piano regolatore di Tirana come bosco orbitale, può essere secondo Boeri, una formula applicabile anche in altre città del mondo. Prof. Saverio Mecca, Direttore del Dipartimento di Architettura all’Università di Firenze, in Italia, ha espresso che ormai da due anni questa università ha iniziato una collaborazione con l’Università Cattolica “Nostra Signora del Buon Consiglio” dando vita al programma di studio in Architettura. I professori di questo dipartimento, i quali insegnano a Tirana fanno parte del gruppo che ha elaborato il piano strategico della città di Firenze, il quale sarà presentato domani a Firenze dal Sindaco Sig. Dario Nardella. Il Sig. Dario Nardella, Sindaco di Firenze e Sig. Flavio Tosi, Sindaco di Verona hanno sottolineato l’importanza della riqualificazione degli edifici esistenti, e di non costruire altri nuovi, che portano alla cementificazione selvaggia delle città. La conferenza è stata moderata dal Prof. Lorenzo Ornaghi, ex Rettore dell’Università Cattolica di Milano ed ex Ministro della Repubblica d’Italia per l’Eredità Culturale. Egli si è espresso che l’idea per la realizzazione di questa conferenza è nata da un incontro tenutasi in ambasciata d’Italia a Tirana. “Per i giovani il 2030 potrà sembrare un anno molto lontano e il tema della conferenza era il piano urbanistico in vista di una rinascita culturale della capitale. Hanno partecipato in questa conferenza le più alte figure del mondo accademico, politico e religioso, e anche i studenti dell’Università Cattolica “Nostra Signora del Buon Consiglio”.