News Medicina

 

Lo scopo del lavoro è stato quello di valutare l’efficacia di diverse soluzioni irriganti nel rimuovere il fango dentinale prodotto durante la strumentazione meccanica dei canali radicolari.

Materiali e Metodi

Sono stati utilizzati 65 premolari mandibolari con un'unica radice ed in seguito decoronati con il fine di ottenere una lunghezza standard di 16 mm. I denti sono stati preparati con gli strumenti meccanici Protaper ed irrigati con NaOCl al 5,25% a 37°C.                                                                                                             I campioni sono stati suddivisi in 5 gruppi sperimentali: irrigazione sonica, irrigazione passiva ultrasonica e pressione apicale negativa. Una volta sezionati sono stati osservati con il microscopio elettronico a scansione ad immissione di campo al fine di valutare la presenza di fango dentinale a 1, 3, 5 e 8 mm. L’analisi statistica è stata effettuata con i tests Kruscal-Wallis e Mann-Whitney U.

Risultati e Conclusioni

 

In questo studio nessuna delle tecniche di attivazione degli irriganti endodontici ha rimosso completamente il fango dentinale. L’endoactivator e l’endovac hanno mostrato i migliori risultati a 3, 5 e 8 mm dall’apice.

Leggi l'articolo