Eventi

“Il rapporto professore - studente l’ho sempre pensato molto difficile e lontano, ma alla fine del primo anno all’UCNSBC succede il contrario. Sapendo che i professori sono persone colte e realizzate nella loro vita professionale e accademica, mi aspettavo di trovare persone fredde. Oggi dico che essi sono persone semplici e modesti verso noi (studenti) e sin dal primo giorno ci hanno chiamati colleghi”.

Kelia Sila ha appena terminato il primo anno di Architettura. Essa racconta quanto sia importante il rapporto all’università tra il professore e lo studente e quanto è motivante e stimolante che lo studente venga considerato alla “pari” con i suoi docenti.

La diciannovenne parla del corso di laurea e del metodo di insegnamento che portano i docenti dell’Università di Firenze.

“Esiste un filo logico tra le materie, ed è per questo che abbiamo la possibilità di esprimere le nostre idee in diverse forme come: lo schizzo, presentazione grafica, progettazione e costruzione dei modelli. Ci hanno insegnato a dare valore alla storia dell’architettura, a lavorare in gruppo anche con gli studenti degli altri anni. L’Architettura non è solo una tecnica, ma è anche arte, ed è per questo che nel percorso universitario bisogna formarsi e svilupparsi anche spiritualmente.

 Kelia Sila, studente del 1° anno, Architettura,

Rivista "Pontes", (Luglio, 2018), pf.10