News eventi

L'assunzione dei medici albanesi in Europa ha segnato una forte crescita negli ultimi anni. A differenza dei colleghi che desiderano contribuire nel sistema sanitario albanese, una parte dei neo medici vede i paesi dell'Unione Europea, come un'ottima opportunità per esercitare la loro professione. Ma qual è il vantaggio della laurea ottenuta presso l'Università Cattolica "Nostra Signora del Buon Consiglio", rispetto alle altre lauree? Ci risponde Gjergji Merja, laureato in Medicina e Chirurgia nel 2014 presso l'Università Cattolica NSBC. Attualmente lavora presso l’ospedale St. Vinzenz nella città di Dinslaken, in Germania, dove contemporaneamente segue gli studi per la specializzazione in Psichiatria e Neurologia.

“I laureati dell'Università Cattolica NSBC non hanno l'obbligo di sostenere l'esame di abilitazione in Germania, ma solo il test di lingua tedesca. Questo, grazie al titolo congiunto ottenuto presso l'UCNSBC - afferma Gjergji. È stata una bellissima esperienza per me e penso che sia stata la scelta migliore. La laurea congiunta e l’abilitazione con le università italiane, che ho ottenuto solo seguendo gli studi presso l'UCNSBC mi hanno facilitato l’inserimento, per esercitare la professione di medico, semplicemente superando il test di lingua medica (fachsprachprüfung)".

Insieme alla sua collega, Dott.ssa Marsela Ceno, Gjergji Merja ha istituito nel Febbraio scorso, l'Associazione dei Medici Albanesi in Germania, ufficialmente registrata nel registro dell'Associazione Legale Tedesca.

“L'Associazione ha come obbiettivo principale di assistere i medici e gli infermieri albanesi nelle procedure di convalida della laurea, assistenza di cui i laureati dell'Università Cattolica NSBC non hanno bisogno. Inoltre, condividiamo anche la nostra esperienza con chiunque ne abbia bisogno".

Secondo l’ordine dei medici tedeschi (Bundesärztekammer), ci sono circa 650 medici albanesi abilitati ad esercitare la professione in Germania.