News eventi

Osservare la città è un’arte a sé, esprimibile attraverso diverse forme e punti di vista: quello emozionale, storico, economico, sociale, e dello sviluppo urbano. La città si può essere vista dal suo interno, esterno, così come dall’alto.

La Facoltà di Architettura, sotto la cura dei professori Giuseppe De Luca e Luca Di Figlia e Giorgio Verdiani, ha scelto di osservare Tirana dall’alto, in analogia tra urbanistica e l’anatomia secondo il punto di vista di Patrick Geddes (1854-1932), uno dei padri dell’urbanistica e della pianificazione, così come biologo, sociologo e filantropi sta. Ha lavorato in India e in Israele, negli Stati Uniti e in Francia, ma in particolare Edimburgo, è stato il suo primo laboratorio di ricerca e di azione, e proprio nel centro di quella città egli ha creato l’Outlook Tower, il prototipo più famoso di urban center e di museo della città. Si tratta di un esempio i cui insegnamenti possono ancora oggi orientare una visione alternativa di casa della città.

L’interpretazione dall’alto della capitale albanese, secondo lo stile dello scozzese Patrick Geddes, verrà presentato durante la Lezione Aperta dal famoso urbanista Gabriele Corsani, ex professore ordinario di Urbanistica al Dipartimento di Architettura (DIDA) dell’Università di Firenze.

L’evento dal titolo “L'occhio e il piano: esperienze moderne e contemporanee nella costruzione di una politica urbanistica”, si terrà il 22 giugno alle ore 10.30 presso l’Aula B107, Edificio Centrale, dell’Università  Cattolica Nostra Signora del Buon Consiglio”.

INVITO_ita_22_06_2018.pdf